Come lavare il bucato: gli errori da non fare!

 

Un errore nella vita, in quanto a bucato, capita ed è concesso a chiunque! Sia al principiante che deve ancora orientarsi in lavanderia, sia alla massaia più navigata può capitare infatti di commettere inavvertitamente degli errori, quando si lava il bucato.

Il più frequente è certamente quello relativo ai colori. Si può trattare di un calzino rosso che finisce indisturbato in mezzo ad un carico di capi bianchi, oppure di una maglietta scura dimenticata nel cestello, se l’abbiamo magari svuotato in fretta; nel primo caso il guardaroba avrà assunto un imbarazzante color rosa pallido, con qualche striatura un po’ più intensa qua e là, mentre nel secondo caso il carico successivo che si andrà a fare regalerà a sorpresa bianchi piuttosto ingrigiti o colori decisamente imbruttiti; comunque sia, sono errori a cui bisogna poi rimediare.

 

E l’estate, che in assoluto ci porta ad indossare in prevalenza capi colorati, a volte anche con tonalità piuttosto accese, e bianchi, è forse la stagione durante la quale il rischio di incappare in qualche malanno di questo tipo è certamente maggiore.

 

Vediamo quindi, insieme, come lavare il bucato e gli errori da non fare.

 

Anzitutto è importante sapere che le particelle di colore, una volta che il capo si sarà asciugato, tenderanno a fissarsi sul tessuto e ti sarà quindi molto più difficile rimuoverle. La prima regola, quindi? Agisci subito, senza aspettare!

Un’ottima soluzione quindi, su come lavare il bucato, consiste nel mettere in ammollo i capi con bicarbonato e sapone di Marsiglia, oppure con un’aspirina. A buona parte degli errori di bucato puoi rimediare così!

Nel frattempo ricorda di pulire il cesto della lavatrice e, soprattutto, la guarnizione in gomma: piccole particelle di colore potrebbero essersi depositate anche lì e se non le rimuovi bene rischi il ripetersi del danno; puoi far partire un ciclo a vuoto per pulire il cesto, in modo da rimuovere al meglio il colore, mentre per la guarnizione ti basterà passare con attenzione un panno umido o una spugna.

Procedi poi con il normale lavaggio in lavatrice, impostando il programma adatto e scegliendo la temperatura più alta che quei capi possono sostenere.

 

Una volta rimediato il malanno, ricorda di tenere a mente alcuni piccoli accorgimenti che ti consentiranno di evitare, in futuro, il ripetersi di altri errori di bucato da non fare.

Su come lavare il bucato se ne dicono tante ma, la cosa in assoluto più importante da fare è quella di leggere sempre le etichette di composizione dei tessuti, dove sono riportate anche le indicazioni di lavaggio raccomandate dal produttore: seguirle ti consentirà di non danneggiare un capo, magari comprato da poco, mantenendone l’integrità e la bellezza nel tempo!

È fondamentale suddividere in fase di lavaggio i capi stessi, per colore e per tessuto: porta via un po’ di tempo, è vero, ma non sempre fare i grandi miscugli porta buoni frutti, anzi! Fare un paio di lavatrici in più è certamente preferibile al fatto di farne una unica e dover poi rimediare agli errori da non fare quando si lava il bucato; utilizzare magari più ceste consente di ridurre il rischio di mescolare i capi inavvertitamente.

 

Se lo sbaglio è ammesso, è vero anche che abitudini scorrette e pigrizia espongono più facilmente a disguidi di questo tipo; è bene considerare che questo comporta non solo una seccatura da risolvere, ma anche un dispendio inutile di risorse: acqua, detergenti, energia elettrica e… tempo.

Come vedi, basta poco: sono accorgimenti piccoli ma fondamentali e servono a mettere al riparo i tuoi capi da errori di questo tipo, mantenendoli belli più a lungo nel tempo.

È bene desiderare il meglio per i propri capi, usando per loro dei prodotti specifici che aiutino a mantenere inalterata la qualità di colori e fibre, scoprili Qui!